Numero 15

Attività aerobica e funzioni esecutive nel calcio

Condividi

É ormai risaputo che l’attività motoria migliora numerosi aspetti cognitivi, emozionali e psicologici. Diversi studi hanno dimostrato come l’attività aerobica possa mantenere e migliorare la salute del sistema nervoso centrale, in particolar modo ha effetti positivi sul funzionamento cognitivo di ordine superiore.

Funzioni come il controllo dell’attenzione, la velocità di elaborazione, la flessibilità cognitiva, l’inibizione della risposta e la memoria di lavoro maturano durante la tarda infanzia e nell’adolescenza per essere pienamente sviluppate intorno ai 19 anni di età. La pratica prolungata di almeno 30 minuti al giorno incide positivamente sui livelli di alcuni neurotrasmettitori (serotonina, noradrenalina e dopamina), migliorando la memoria di lavoro e incrementando l’efficienza cognitiva. Le funzioni esecutive risultano essere importanti per le prestazioni di successo in vari sport, perché queste funzioni facilitano l’adattamento a situazioni nuove o mutevoli, l’attenzione, così come il richiamo delle strategie di gioco.

Ludyga e collaboratori hanno esaminato gli effetti di un programma di attività aerobica sulla memoria di lavoro in un gruppo di adolescenti. I partecipanti sono stati divisi in modo casuale in 20 adolescenti che hanno eseguito 20 minuti di esercizi aerobici e di coordinazione, e 16 adolescenti che non hanno eseguito alcuna attività. Il gruppo sperimentale che ha eseguito il training aerobico ha ottenuto una maggiore diminuzione dal pre-test del tempo di reazione, rispetto al gruppo di controllo.

Coles e Tomporowski, hanno valutato gli effetti di una breve sessione di attività di tipo aerobico (40 minuti) sulle funzioni esecutive, e sulla memoria a breve e a lungo termine. I risultati hanno rilevato che l’eccitazione indotta dall’esercizio facilita il consolidamento delle informazioni nella memoria a lungo termine.

Labban ed Etnier hanno testato l’effetto dell’esercizio aerobico sulla memoria a lungo termine. La memoria è stata valutata attraverso il richiamo del paragrafo; i soggetti hanno ascoltato due paragrafi (esposizione) e li hanno ricontestualizzati dopo un ritardo di 35 minuti. I partecipanti (n = 48) sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi: esercizio prima dell’esposizione, esercizio dopo l’esposizione o assenza di esercizio. L’esercizio consisteva di 30 minuti su un cicloergometro compreso 20 minuti a intensità moderata. I risultati hanno indicato che l’esercizio aerobico ha influenzato positivamente il richiamo alla memoria nel gruppo sperimentale, rispetto al gruppo di controllo.

Nel presente lavoro è stato esaminato l’effetto dell’esercizio aerobico sulle funzioni cognitive, in particolar modo su quelle legate al controllo esecutivo ed attentivo (memoria di lavoro, attenzione distribuita ed inibizione-interferenza), in un gruppo di giocatori di calcio.

Abstract of the article in English

Physical activity improves many cognitive, emotional and psychological aspects. Several studies showed that aerobic activity can improve superior cognitive functioning. The aim of this research is to examine the effect of aerobic activity on some executive functions (working memory, distributed attention, response inhibition). The study was carried out on 30 soccer players aged between 14 and 18 years old. Results showed an immediate improvement in cognitive performance after executing an aerobic training session.

Scarica l’articolo in formato PDF

Profilo autore

Laurea in Scienze delle Attività Motorie e sportive;
Laurea magistrale in Scienze delle attività motorie preventive e adattate;
Docente di Scienze Motorie scuola primaria con la partecipazione al progetto di classe (CONI).

Profilo autore

Laurea ISEF;
Docente di Scienze Motorie scuola secondaria di 2 grado

Profilo autore

Università “KORE” di Enna, Dipartimento di Scienze Motorie,
Ricercatore (Metodi e Didattica delle Attività Motorie – M-EDF/01)


Condividi
Tags