Numero 10

Allenamento unilaterale o bilaterale negli sport di squadra?

Condividi

Il cambiamento di alcuni paradigmi metodologici nell’ambito della metodologia dell’allenamento sta orientando gli staff tecnici verso la strutturazione di allenamenti definiti funzionali, attenti cioè alla multiplanarità ed alla sollecitazione della sensibilità cinestesica e propriocettiva, della stabilità dinamica del complesso Hip/Core/Scapula, del controllo pre-programmato (feedforward) e reattivo (feedback) delle risposte motorie, dell’integrazione delle risposte in schemi motori finalizzati; il tutto per consentire un’esplorazione controllata dei pattern di vulnerabilità, nonché dell’integrazione sensopercettiva tra afferenze visive ed afferenze propriocettive e vestibolari.

Tale percorso di ricerca sta progressivamente trasformando ed integrando dal punto di vista metodologico le proposte di allenamento soprattutto nell’ambito degli sport di squadra, sempre più attente agli aspetti preventivi e non solo prestativi.

Accanto a questa opportunità metodologica, ne scaturisce una seconda, altrettanto rilevante per la tipologia di prestazione richiesta durante i vari modelli prestativi.

L’analisi delle capacità motorie direttamente implicate nei modelli di prestazione del calcio del basket, del volley o del rugby, infatti, conducono prevalentemente ad individuare due presupposti di una certa rilevanza: forza e potenza degli arti inferiori(3,4,5).

Questi due presupposti costituiscono altrettante espressioni essenziali in molte gestualità sport-specifiche e tecniche: alcune gestualità, per certi versi, si rivelano comuni a diverse discipline sportive.

Abstract of the article in English

The functional training session is designed to ensure the multiplanar exercises, the kinesthetic and proprioceptive sensitivity, the dynamic stability of the complex Hip / Core / Scapula, the pre-programmed control (feedforward) and reactive (feedback) motor responses, the integration of motor patterns
The article exposes the scientific evidence comparing unilateral and bilateral performances, to describe the differences in muscle recruitment.

Scarica l’articolo in formato PDF

Profilo autore

Ricercatore Università di Foggia, preparatore atletico professionista
Preparatore Atletico Professionista FIGC


Condividi