Numero 10

Intervista al D.O. Philippe Caiazzo

Condividi

Ci descriva i suoi primi approcci alla Posturologia.

Tutto è nato da un incontro con il Prof. Bernard Bricot. La mia ex moglie soffriva nella zona lombare e cervicale e non avevo tempo per curarla.

Ho pensato a Bricot che avevo incontrato in un Convegno. Il suo approccio globale alla persona mi era piaciuto. All’epoca ero un giovane Fisioterapista (Kinesitherapeute DE in Francia) e studiavo già Osteopatia. Avevamo una visione comune della Salute.

Alla fine della visita Bernard mi ha proposto di collaborare nel suo centro, il “Centre de Biotherapie”. Era nel 1981 a Marsiglia (Francia)

Posturologia e osteopatia, come si integrano queste due discipline?

L’Osteopatia si interessa alla mobilità e alla motilità (memoria embriologica). La Posturologia studia il sistema tonico posturale e le sue interazioni con gli altri sistemi del corpo e principalmente il sistema neuro-osteo-mio-fascio-articolare… questo nelle quattro dimensioni. La quarta dimensione è il tempo come diceva Einstein.
Nel 1981 praticavo quotidianamente fisioterapia, posturologia e osteopatia.
Dal 1985 ho iniziato ad insegnare Posturologia con il Collège International d’étude de la statique (CIES) che abbiamo creato con Bricot, Cardone e Ceccaldi (rispettivamente due medici e due osteopati). Prima in Francia poi in diverse zone del mondo.
Con il tempo è nata una sinergia tra medicina manuale e posturologia. In seguito alla richiesta di molti allievi che mi chiedevano di dare un nome a questa metodologia la chiamai Terapia Osteopatico-Posturale (TOP) per rendere omaggio all’Osteopatia.
Nel 2003 nasce l’Accademia Italiana di Terapia Osteopatico-Posturale (AITOP) a Reggio Emilia sotto l’impulso di un gruppo di allievi e soprattutto con la volontà di Giovanni Moccia, il suo primo Presidente. Adesso ci sono 10 docenti e tanti tutor e assistenti, tutti formati con l’Accademia.
Dal 1996 ho iniziato anche ad insegnare questo approccio nelle diverse Università Italiane (Palermo, Tor Vergata e La Sapienza di Roma, Torino, Pisa e Firenze). E’ così che ho deciso di vivere in Italia, terra del mio nonno paterno.

Scarica l’articolo in formato PDF

Profilo autore

Dottore con lode in Podologia e Scienze Motorie, specializzato al Master in Posturologia dell’Università La Sapienza con il massimo dei voti.
È autore di 5 libri: Postura e attività motoria, A scuola di salute, Rivoluzione Posturale, Ginnastica posturale con attrezzi, PodoPosturale® - Valutazione e trattamento.
Dal 2018 è docente a contratto per l'Università degli studi di Catania al Master in Posturologia clinica e Scienze dell'esercizio fisico per l'insegnamento in "Podologia e stabilometria clinica in analisi posturale".

  • Ha all'attivo una vasta esperienza come formatore e docente, vantando collaborazioni con NonSoloFitness per cui ha svolto più di 150 corsi di formazione e formato più di 1500 studenti, il CONI Lazio e il CONI Campania
  • Ha svolto il ruolo di relatore al Congresso Internazionale "Denti, Postura e Alimentazione" a Cetraro (Ottobre 2016) presentando il tema "Il recettore podalico e le sue relazioni posturali"
  • Il 26/27 Ottobre 2018 il Dott. Marino è relatore al Congresso a Catania "Ruolo del sistema visuo-cranio-occlusale e podalico nel sistema tonico posturale". Tema della sua relazione "il recettore podalico: analisi, funzione ed utilizzo della soletta posturale"

A Novembre 2019 è docente per il corso ECM a Roma “La PodoPosturologia” rivolto ai professionisti sanitari.

A Marzo 2020 il suo articolo sulla rivista Salute33 "Il piede cieco: riflessione sull'utilizzo di plantari e scarpe correttive" ottiene il certificato di pubblicazione scientifica.

Il Dott. Marino svolge il ruolo di Podologo, Posturologo e Chinesiologo presso gli studi di Catania, Piazza Armerina, Siracusa, Milazzo, Vittoria e Barrafranca.


Condividi